Comune di Casorzo - Provincia di Asti - Piemonte

Percorso di navigazione

Ti Trovi in:   Home » I graffiti della chiesa di San Giorgio

Stampa Stampa

I GRAFFITI DELLA CHIESA DI SAN GIORGIO

La chiesa della MADONNA DELLE GRAZIE originariamente era la parrocchiale detta di S. Giorgio. Ha preso il titolo attuale dopo il trasferimento dell'immagine della B.V. delle Grazie dalla chiesa della Madonna che era situata nella regione di Prato Casale, non lontano dalla cascina ancora attualmente detta 'della Madonna'.

La chiesa è antichissima, come risulta da una iscrizione che si legge nella seconda cappella. Risale al 1375 e fu consacrata nel 1411.

E' di grande pregio artistico: porta ancora l'impronta di un'architettura romanica, anche se è stata sostanzialmente riformata nelle ristrutturazioni eseguite nell'anno 1840 in cui venne edificata la rotonda che vi dà adito. Ricopre un' area di m2 120,26. Possedeva un campanile con due campane, due altari in cotto e due grandi quadri: uno dedicato alla B.V., l'altro a S. Giorgio, 18 candelieri in legno dorato, molti quadri votivi, ecc. Possedeva una rendita di £ 374, lasciata da don Bozzolo e amministrata dal Comune.

Iscrizione medioevaleDovunque in San Giorgio domina incontrastata l' arenaria, la cui morbidezza sembra essere un invito all'incisione. Ed è proprio dalle frasi, dai disegni incisi, soprattutto sulla parete sud della parte più antica della chiesa, che l'attenzione del visitatore è richiamata. Questi 'graffiti' narrano delle bizzarrie del tempo o rievocano quegli avvenimenti storici che più hanno colpito l'immaginazione popolare.

Alcuni fra i più significativi:

'1501 die 30 OC -Bris - BITHOTUS DE - LA VALLE - EMIGRA VIT',

'A 2 aprile - VENO LA NIEZA -un piede'

'1640 A dì 20 aprile - fu assediato Rosignano. Guerra del Monferrato'

'1696, 5 aprile venuta neve alta due piedi (poco meno di un metro) '

1713, dal 17 marzo sino alli 2 maggio ha sempre piovuto et li 28 aprile ha nevicato'

1733, il 23 marzo è venuta la neve alta un piede

1736 sono morte tutte le bestie bovine per il morbo epidemico e pestifero, fu la rovina di molti e di tutto il cristianesimo'l ;' Dai primi giorni... 1816/ Fino agli... di maggio 1817/ mai

Impronte di calzatureTale epidemia è confermata anche dal seguente documento giacente presso l'Archivio Parrocchiale di Casorzo:'Comunicato fatto dalla Comunità di Casorzo, in tempo del morbo epidemico del bestiame l'anno 1736 li 17 Gennaro.L'anno del Signore millesettecentotrentasei ed al diciassette di Gennaro, giorno di martedì, in Casorzo ed nella casa del Comune convocato e congregato il Magg.re Consiglio del prevosto nel luogo del Sig. Piazzato Gian Andrea Carzella per istanza delli sig. Lorenzo Calcagno ed Domenico Beccaro ambi sindaci di questo luoco, precede il suono di campana...

Essendo che per disgrazia di questo paese siano alcuni mesi che crescendo in questi contorni il morbo pestilenziale nel bestiame senza che si possa trovare rimedio humano per tante prove e diligenze praticate e che per maggior disgrazia di questo luogo abbia il male incominciato anche nella casa di Giobatta Gatto, a cui sono morte tutte le bestie

pioggia, mai neve...'; '1827 l'anno-21 agosto una fatal procella ai colli di Casorzo fè tal danno che verno parve la stagion più bella'' 17 maggio

L1821 venne una tempesta terribile'; '1903 addi 19 aprile venne la brina! che viti e gelsi e frutti fu la rovina! sia in Italia che all'estero fu cosa seria! che certuni ebbero fortuna, altri miseria'; '1900, 30 luglio a Monza mentre che un assassino toglieva l'anima bella 1 di Umberto I con la rivoltella 1 un uragano ci travversava con furore 1 colmandoci di danno, pianto e dolore'; ' 190 tempestò piovì moltol vendemiando bondanza generalel di vino'; 'Giaccion qui le spoglie di Camera! Francesco, uom di strane voglie e di cervel grottesco'. Altri ricordano, con l'ausilio di un disegno, la cattura del celebre brigante 'Mussolino', raffigurato a testa bassa mentre è condotto in carcere da due gendarmi in alta uniforme; o i pionieri del volo, attraverso la raffigurazione di una primitiva e fantastica bicicletta. Qualcuno pensa che il disegnatore si sia riferito alla ' bicicletta volante Scarabello Gualtiero': si tratta di una bicicletta con ali ed un alettone sul coraggioso pedalatore.

Vi sono poi altre scritte, altri graffi ti indecifrabili e disegni ricorrenti(stelle, pesci paleocristiani, croci, roncole, piedi stilizzati).


Ignora collegamenti di navigazione


 
22 fotografie presenti nell'album fotografico
(Fare click sulle immagini per poterne visualizzare l'ingrandimento.)

Pagina 1



     1 2 3 4      [Pagina succ.>>]




Le aliquote non sono state modificate.
Cliccare sul titolo per dettagli.

Le giornate di raccolta dei rifiuti sono così distribuite:
ORGANICO: lunedì - giovedì (bidoncino marrone)
INDIFFERENZIATA: mercoledì (sacco verde)
PLASTICA: venerdì (sacco giallo)
CARTA: sabato (bidone giallo)

Gli ingombranti invece vengono ritirati il 2° MERCOLEDI' di ogni mese, su prenotazione.

Date calendario sosta del Bibliobus a Casorzo Anno 2019

   

Calendario eventi


Link utili

Regione Piemonte
Provincia di Asti
Previsioni Meteo
Muoversi in Piemonte
Dove va
Sportello Unico Attività Produttive
Consorzio CO.GE.SA.
 

Riferimenti del comune e Menu rapido


Comune di Casorzo, Via Montiglio n.35
14032 Casorzo (AT) - Telefono: 0141929225 Fax: 0141929469,
Codice univoco fatt. elettronica UFYRIN
CC.POSTALE: 12990149
CC.BANCARIO: IT95I0608510316000000020309
TESORERIA UNICA: IT72R0100003245111300300197

C.F. 80003150051 - P.Iva: 00610090052
E-mail: protocollo@comune.casorzo.at.it   E-mail certificata: casorzo@cert.ruparpiemonte.it
E-mail D.P.O.: amministrazione@fiware.com    Pec D.P.O.: francesco.ivaldi@pec.fiware.com